TYPE DESIGN-3 copia

Oggi, grazie a internet è possibile ampliare la tua attività sul web o aprirne una da zero. Sempre più persone, infatti, fanno acquisti online grazie agli e-commerce che permettono di comprare restando comodamente seduti a casa.

Nonostante i numeri siano in crescita (come sostiene Il Sole 24 Ore), ci sono ancora molti navigatori che abbandonano il sito proprio sul più bello l’acquisto. Come mai? Cosa frena i visitatori?

Quali sono gli errori più comuni negli e-commerce?

Spesso è proprio il sito stesso a presentare degli ostacoli che disincentivano il consumatore all’acquisto. I più comuni sono:

Non curare l’usabilità del sito

E non mettere abbastanza in evidenza i pulsanti di acquista e prenota. Il percorso deve essere immediato, il tuo e-commerce deve invogliare la vendita. Cura le immagini, fornisci informazioni sufficienti, permetti a chi vuole acquistare di conoscere i dettagli.

Non facilitare l’acquisto

Semplifica più che puoi, fai in modo che chi vuole acquistare, non debba compilare una serie infinita di campi. Inserisci la possibilità di registrarsi tramite i social. Metti a disposizione tutti i metodi di pagamento possibile, compreso PayPal.

Non trasmettere l’idea di sicurezza

Un sito sicuro è un sito in cui le pagine si caricano subito, in cui la transazione è veloce e immediata, in cui ti arriva una mail di conferma sull’ordine e un codice per seguire la spedizione.

Non realizzare landing efficaci

Le pagine di destinazione servono a convincere il visitatore a continuare la navigazione e ad effettuare una determinata azione. Ecco perché devono essere create ad hoc, curate nei dettagli e accattivanti. (Per saperne di più)

Non incentivare l’acquisto con una promozione

Una promozione, uno sconto, un piccolo premio aiutano sempre l’acquisto e invogliano il cliente a comprare. L’idea di fare un grande affare piace a tutti e se l’offerta è limitata nel tempo, allora subentra anche la paura di perdersela!

Non investire sui clienti già acquisiti

Offrendo loro un servizio/prodotto complementare a quello che stanno per acquistare ad un prezzo vantaggioso. Ad esempio per chi acquista un prodotto per rafforzare la muscolatura, potrebbe essere un dvd con le lezioni un personal trainer.

Non puntare sui fidelity program

Vengono anche chiamate continuity offer e si riferiscono a quelle offerte a medio-lungo termine che permettono al consumatore di accumulare punti o sconti acquistando beni e servizi presso di te (programmi frequent flyer, tessere punti dei benzinai).

Hai controllato tutti i punti? C’è qualcosa che devi correggere nel tuo e-commerce? Se hai bisogno di un aiuto, chiedi a x-media.